Studio Medico Roma

studio-medico-roma

STUDIO MEDICO ROMA

Lo studio medico a Roma, come nel resto di Italia, è l’ambiente all’interno del quale un professionista medico svolge la propria attività secondo le abilitazioni conseguite durante il suo percorso di medicina formativo. Dentro lo studio medico possono essere presenti accessori, strumenti e beni di vario genere, tutti utili al medico che li adopera per le diagnosi e le cure delle diverse patologie o problematiche di altro tipo dei pazienti.
Mentre nello studio medico è l’apporto del professionista ad essere prevalente su tutto il resto, nell’ ambulatorio medico è presente una complessa organizzazione di lavoro accomunabile per certi aspetti ad una vera e propria impresa.

 

Differenza tra ambulatorio Medico e studio Medico

La distinzione fra ambulatorio e studio medico comporta qualche conseguenza a livello legislativo e pratico. Infatti in linea di massima lo studio medico, per essere avviato, non ha bisogno di particolari autorizzazioni poiché il suo sviluppo si basa sulle competenze del professionista, già riconosciute dall’apposita abilitazione a svolgere le proprie mansioni rilasciata dagli enti preposti. Ad oggi ciò vale in tutte le regioni eccetto per la Toscana come regola il testo unico relativo alle leggi sanitarie.
La regione Toscana ha ritenuto opportuno regolamentare l’avvio di alcuni studi medici come quelli che erogano prestazioni endoscopiche, gli studi di odontoiatria, quelli che eseguono piccoli interventi di chirurgia e tutti gli studi che dispongono di strumentazioni diagnostiche che non sono complementari all’attività principale svolta.
In ogni modo, tutti gli studi medici sono sottoposti a controlli di vigilanza sanitaria atti a certificarne la validità e il rispetto delle norme igieniche fondamentali.
Gli studi medici possono effettuare prestazioni a minore o a maggiore invasività. Per interventi a minore invasività si intendono tutti quelli che offrono prestazioni che interessano le branche dell’oculistica, dell’otorinolaringoiatra, della ginecologia, flebologia, gastroenterologia nonché chirurgia plastica e dermatologia.
Le prestazioni considerate a maggiore invasività sono elencate in appositi registri depositati presso la regione di competenza.
I laureati in odontoiatria non possono effettuare prestazioni mediche che non rientrano nella propria specializzazione anche se hanno seguito tutto l’iter formativo di medicina.

 

Avviare uno studio Medico

Per avviare uno studio medico, è necessario che il locale disponga di precisi requisiti. Deve necessariamente avere un accesso per i pazienti differente da quello che viene utilizzato per altri scopi non relazionati all’attività sanitaria. I locali presenti all’interno di uno studio devono risultare separati fisicamente da quelli destinati ad altri scopi e si devono poter riconoscere chiaramente.
La sala destinata alle consultazioni e alle visite dei pazienti, deve disporre di una pavimentazione completamente lavabile. La privacy agli utenti è un requisito fondamentale e, se necessario ci deve essere un’area all’interno della quale i pazienti possono spogliarsi in tutta tranquillità.

Nella parte in cui opera il medico, ci deve essere un lavabo dotato di comandi rigorosamente non manuali.
I servizi igienici presenti all’interno degli studi medici devono essere facilmente raggiungibili da parte di tutti gli utenti, disabili compresi. Il lavabo non deve avere comandi manuali, deve essere presente il dispenser di sapone abbinato ad asciugamani di carta monouso.

Se lo studio è piccolo ed è presente un solo bagno, lo stesso deve essere separato dalla sala dove il medico effettua le sue prestazioni. Ovviamente anche la pavimentazione dei servizi igienici avrà una pavimentazione totalmente lavabile e disinfettabile.
Oltre a quanto elencato fino al momento, lo studio medico ha bisogno di avere uno spazio apposito nel quale depositare il materiale pulito e un altro per conservare quello sporco, in attesa di essere sanificato. Infine è opportuno riservare parte del locale al deposito dei vari materiali che adopera il medico durante l’esercizio della sua professione come la strumentazione diagnostica.
Se più medici hanno studi in locali confinanti, possono condividere alcuni servizi come ad esempio le attività amministrative così come i servizi igienici o la sala d’attesa per i pazienti.
In ogni studio medico è prevista la presenza di alcuni strumenti atti alla gestione di eventuali emergenze come ad esempio un apparecchio per misurare la pressione, il classico fonendoscopio e l’ambu. Fra le altre cose cosiddette d’emergenza, devono essere conservati farmaci quali cortisone, atropina e soluzioni fisiologiche.
Prima di farvi curare o diagnosticare qualsiasi tipo di problema all’interno di uno studio medico, assicuratevi perlomeno visivamente che sia in possesso di tutti questi requisiti altrimenti è meglio che consultiate un altro studio migliore e soprattutto più sicuro dal punto di vista igienico.

 

Medico-Roma.it non entra in merito nel rapporto medico-paziente. Ogni informazione pubblicata da Medico-Roma.it  non esprime il giudizio di un medico. Per qualsiasi visita, diagnosi o prevenzione accurata rivolgiti al medico specialista. 

 

 

Medico-roma-Studio